I conservanti isotiazolonici sono nemici dei dermatologi

Scopri come SLS e SLES danneggiano l’ambiente
2021-04-20
Come i coloranti chimici inquinano l’acqua del pianeta
2021-04-21

Isothiazolinone conservanti, presenti in molti prodotti anti-parabeni, causano un sacco di allergie!

Sommario:

I conservanti sono stati utilizzati per molto tempo, principalmente, ma non esclusivamente, dalle industrie cosmetiche. Lo scopo era ovvio, ma la maggior parte delle aziende non ha preso in considerazione quanto questi conservanti causino allergie.

Diversi sono stati lanciati sul mercato. I più popolari erano parabeni e rilasciatori di formaldeide, come il quaternium – 15, 2,5 – diazolidinyl urea (Germall II®) e imidazolidinyl urea (Germall 115®), e tutti mostravano proprietà allergeniche.

Sono ancora inclusi nella serie di test di base o aggiuntivi. Tuttavia, sono stati trovati conservanti a bassa allergia. Allora perché vengono ancora commercializzati? Perché sono presenti nel nostro ambiente, non solo nei cosmetici ma anche in vari prodotti a base d’acqua, professionali o meno.

L’emergere dell’isotiazolinone

Una nuova era di dermato – allergologia si è aperta con l’introduzione di un nuovo conservante: il methylchloroisothiazolinone – methylisothiazolinone (MCI / MI) considerato rivoluzionario per la sua efficacia a concentrazioni molto basse, espresse in ppm. Il nome commerciale principale era Kathon CG®. Purtroppo, un’epidemia di dermatite allergica da contatto è apparsa molto presto, e MCI / MI è stato giustamente considerato un forte sensibilizzatore.

Diversi gruppi di dermatoallergologia sono stati interessati, e sono stati scritti articoli originali per avvisare le autorità di regolamentazione europee. Tuttavia, questi sono stati lenti a reagire e quando hanno adottato misure per ridurre la concentrazione o vietare l’uso di MCI/ MI nei cosmetici, la frequenza delle reazioni positive ai patch test non è diminuita significativamente (effetto Dillarstone).

La sostituzione di MCI / MI con uno dei due isomeri della miscela, cioè il metilisotiazolinone (MI), non ha impedito il verificarsi di una “nuova onda” epidemica. L’attuale articolo di Uter et al.3 a nome del gruppo di ricerca europeo sulla dermatite da contatto ambientale fornisce una notevole sintesi di tutti gli aspetti del problema:

  • MI è un sensibilizzatore molto potente
  • C’è un’azione incrociata da parte di altri isotiazolinoni, come il benzisothiazolinone (BIT) o l’octylisothiazoline (OIT), sia per reattività incrociata che per esposizione concomitante.
  • MI è presente in molti cosmetici (leave-on o rinse-off). La risposta del regolamento europeo all’accettazione delle misure di prevenzione rivendicate dai dermatologi. Ma la prevenzione è molto più complessa quando si considerano altri prodotti a base d’acqua, come le vernici4, a causa della mancanza di informazioni da parte dei produttori. L’etichettatura dei prodotti è urgentemente necessaria.5

Il messaggio più significativo di questo articolo è quello di fornire una guida quando si affronta il problema di un nuovo allergene da contatto.

Più informazioni:

Accedi all’intero clicca qui.

Fonte: Wiley Online Library